detrazioni fiscali mw hybrid

Detrazioni del 50% e 65%

Detrazione 50% per le ristrutturazioni edilizie

Per gli interventi di ristrutturazione viene prorogato il bonus Irpef del 50% fino al 31 dicembre 2017, in seguito all’approvazione della legge di Bilancio (7.12.2016).  La detrazione fiscale riguarda gli interventi di ristrutturazione eseguiti sulle singole unità immobiliari e sulle parti comuni dei condomini. Sono confermati il tetto massimo di spesa di 96.000 euro e la ripartizione in dieci rate annuali.

Obbligo di conservare ed esibire a richiesta degli uffici tutti i documenti relativi all’immobile oggetto della ristrutturazione.

Detrazione 65% per riqualificazione energetica – Ecobonus

Con l’approvazione della legge di Bilancio (7.12.2016) si conferma la proroga, fino al 31 dicembre 2017, dell’Ecobonus 65% sugli interventi di efficientamento energetico delle singole unità immobiliari.
Gli interventi di efficientamento energetico nei condomini usufruiranno di bonus graduati in base all’entità dei lavori e ai risultati raggiunti. Si partirà quindi dal 65%, come nelle singole abitazioni, ma si potrà salire al 70% se l’intervento interessa almeno il 25% dell’involucro edilizio, ad esempio quando si dota l’edificio del cappotto termico. Gli incentivi potranno arrivare al 75% nel caso in cui l’intervento porti al miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva. Gli incentivi saranno validi per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021. Le detrazioni saranno calcolate su un ammontare delle spese fino a 40.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. Il rimborso avverrà in cinque anni anziché in dieci.

Conto termico 2.0

Con la pubblicazione del D.M. 28/12/12, detto anche “Conto Energia Termico”, si dà attuazione al regime di sostegno introdotto dal D.Lgs. 28/2011 per l’incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Il GSE è il soggetto responsabile dell’attuazione e della gestione del meccanismo, attraverso un portale Internet dedicato, su cui i soggetti interessati possono richiedere l’incentivo, compilare e inviare la documentazione necessaria. Il nuovo “Conto Termico 2.0”, rispetto al passato, favorisce un maggior numero di interventi e introduce percentuali di rimborso delle spese più elevate. Si rimanda al sito http://www.gse.it/it/ sezione “Conto Termico” per la consultazione del testo della normativa. Gli incentivi sono direttamente erogati dal GSE al soggetto responsabile con rate annuali, in due o cinque anni a seconda della potenza nominale dell’impianto. Complessivamente gli incentivi coprono fino ad un massimo del 40% delle spese sostenute per la sostituzione dell’impianto.

Tariffa elettrica dedicata D1

La tariffa D1, vantaggiosa se si utilizza la pompa di calore come unico sistema di riscaldamento nell’abitazione di residenza, è scaduta il 31.12.2016. Coloro che l’hanno ottenuta precedentemente a questa data potranno mantenerla per 10 anni oppure decidere di passare alla nuova tariffa TD.
Per consultare tutti gli aggiornamenti della normativa si rimanda ai siti dell’Aeegsi, Tutela Simile e Assoclima.