detrazioni fiscali mw hybrid

Detrazioni del 50% e 65%

Detrazione 50% per le ristrutturazioni edilizie

Bonus Climatizzatori e Scaldacqua a pompa di calore

Si tratta di una detrazione dall’IRPEF di una quota ripartita in 10 rate annuali.
• La detrazione fiscale riguarda gli interventi di ristrutturazione eseguiti sulle singole unità immobiliari e sulle parti comuni dei condomini.
• Utilizzabile per installazione di climatizzatori e pompe di calore ad alta efficienza.
• Fruibile esclusivamente da persone fisiche.
• Valida sino al 31/12/2018 con aliquota al 50%.
• Confermato il tetto massimo di spesa a 96.000€.
• Confermata l’estensione dell’incentivo alle opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici ed allo sfruttamento di energie rinnovabili (ad es. installazione di pompe di calore).
• Obbligo di conservare ed esibire a richiesta degli uffici tutti i documenti relativi all’immobile oggetto della ristrutturazione.

Anche per i lavori avviati a partire dal 1° gennaio 2018 e fino al prossimo 31 dicembre sarà dunque possibile beneficiare della detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute ed entro il limite di 96.000 euro di spesa. La proroga del bonus ristrutturazioni è una delle misure contenute nel testo ufficiale di Legge di Bilancio 2018, in vigore dal 1° gennaio 2018.

Si rimanda alla Guida della Agenzia delle Entrate dedicata alle Detrazioni per ristrutturazioni edilizie.




Detrazione 65% per riqualificazione energetica – Ecobonus

Con la legge di bilancio 2018 (legge n. 205 del 27 dicembre 2017) è stata prorogata fino al 31 dicembre 2018 la detrazione fiscale del 65% per gli interventi di efficientamento energetico. L’agevolazione consiste in una detrazione dall’Irpef o dall’ Ires ed è concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.

In generale, le detrazioni sono riconosciute se le spese sono sostenute per:
• la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
• il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni – pavimenti – finestre, comprensive di infissi)
• l’installazione di pannelli solari
• la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Si rimanda al sito dell’Agenzia delle Entrate per la distinzione tra Detrazione, pari al 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2018 e Detrazione del 50% per le spese sostenute dal 1º gennaio 2018.

Chi può richiedere l’Ecobonus

La detrazione fiscale per interventi volti al risparmio energetica e alla riqualificazione della propria abitazione e del condominio, ovvero quanto previsto dall’Ecobonus 2018 è rivolta a tutti i contribuenti, anche i titolari di reddito di impresa, che risultino possessori di un immobile in favore del quale vengono posti in essere interventi di riqualificazione energetica. A partire dal 2018 potranno richiedere la detrazione fiscale anche i contribuenti incapienti in relazione alle spese sostenute in edifici privati: si tratta, in pratica, di chi ha redditi esentasse in quanto inferiori al minimo.

Nel dettaglio, i contribuenti che possono richiedere la detrazione fiscale del 65% o del 75% nel caso di interventi condominiali sono:
• i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali);
• le associazioni tra professionisti;
• gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale; persone fisiche ovvero: titolari di un diritto reale sull’immobile, condomini per gli interventi sulle parti comuni, inquilini, coloro che possiedono un immobile in comodato, familiari o conviventi che sostengono le spese.

Per richiedere gli ecoincentivi si rimanda alla Guida dell’Agenzia delle Entrate dedicata alle Detrazioni per la riqualificazione energetica.

Conto termico 2.0

Pompe di Calore e scaldacqua a pompa di calore

Il Conto Termico 2.0 è un sistema di incentivazione mirato ad aumentare l’efficienza degli edifici e dei sistemi di riscaldamento. Si tratta di un incentivo in conto capitale destinato ai soggetti che intendono migliorare l’efficienza del proprio edificio o produrre energia termica da fonte rinnovabile, quali sono le pompe di calore. Non è una detrazione fiscale, pertanto il soggetto richiedente percepirà direttamente l’incentivo dal GSE, il soggetto responsabile dell’attuazione e della gestione del meccanismo, attraverso un portale Internet dedicato, su cui i soggetti interessati possono richiedere l’incentivo, compilare e inviare la documentazione necessaria.

Complessivamente gli incentivi coprono fino ad un massimo del 40% delle spese sostenute per la sostituzione dell’impianto. Possono beneficiarne le amministrazioni pubbliche ed i soggetti privati, ovvero persone fisiche, condomini ed imprese direttamente o tramite ES.CO. Si rimanda al sito http://www.gse.it/it/ sezione “Conto Termico” per la consultazione del testo della normativa.